“Fa un sole su questi bricchi, un riverbero di grillaia e di tufi che mi ero dimenticato.
Qui il caldo più che scendere dal cielo esce da sotto, dalla terra, dal fondo tra le viti che sembra si sia mangiato ogni verde per andare tutto in tralcio.
È un caldo che mi piace, sa un odore: ci sono dentro anch’io a quest’odore, ci sono dentro tante vendemmie e fienagioni e sfogliature, tanti sapori e tante voglie che non sapevo più d’avere addosso.
Così mi piace uscire dall’Angelo e tener d’occhio le campagne; quasi quasi non vorrei aver fatto la mia vita, poterla cambiare; dar ragione alle ciance di quelli che mi vedono passare e si chiedono se sono venuto a comprar l’uva o che cosa.”

 

- CESARE PAVESE "LA LUNA E I FALÒ"

 

cappellino

 

Così Cesare Pavese parlava del suo paese natale: Santo Stefano Belbo.

E su queste colline cantate dal grande poeta è situata l’azienda agricola di Bocchino Vittorio, uno che ha scelto di restarci.
La cascina di Vittorio è proprio situata nel centro dei racconti pavesiani, dalla sua cantina si vede la Gaminella e seduti nei suoi filari si può godere il tramonto sulla collina dei Mari del Sud.

macchaivino

Free Joomla! template by Age Themes