Il territorio


 

Santo Stefano Belbo si trova ai margini delle langhe e si sviluppa su un territorio che comprende circa 23 km2, un area in gran parte collinosa costituita da marne calcaree ed arenarie, eccezion fatta per la piana alluvionale formata dal torrente Belbo.
Le Langhe abbracciano una vasta zona collinare che va dai 450 agli 800 Compresa tra i fiumi Tanaro e Bormida, è una terra caratterizzata da straordinaria fecondità.
La conformazione collinare principale delle langhe è costituita da un insieme di lunghe dorsali emerse dall’ antico golfo marino, allineate in direzione nord-sud e divise tra loro da solchi scavarti dai numerosi torrenti facenti capo al bacino del Tanaro.
Si ritiene infatti che le Langhe siano nate per orogenesi cioè per corrugamento del mare padano in età terziaria derivante da conglomerate di formazione arenaria marmo calci e gessi e appartengono al sistema appenninico.
Santo Stefano Belbo è un mondo che riconduce inevitabilmente al suo passato storico che si perde agli inizi dell’ anno 1000’ così come nella storia più recente raccontata da cesare pavese illustre scrittore del 900’ che nacque proprio a Santo Stefano Belbo il 9 settembre 1908.
Qui tutto ricorda il grande poeta e i suoi romanzi, dalle vie del centro alla casa natale, dai nome delle località: Il salto, La Mora, il Nido, la casa di Nuto.

 

 

macchaivino

Free Joomla! template by Age Themes